testata persone Tab 1228x342

Piani individuali di risparmio a lungo termine o PIR

 Desk 690x700
  • Investono nella crescita delle imprese italiane  
  • Offrono importanti benefici fiscali 
  • Sono sottoscrivibili da persone fisiche residenti in Italia
 

​I “Piani Individuali di risparmio” (PIR) sono "contenitori fiscali" – che possono assumere la forma di un rapporto di custodia e/o amministrazione titoli, di un servizio di gestione individuale di portafoglio, di una  polizza assicurativa finanziaria o di un fondo comune d’investimento.

Per saperne di più

I PIR sono stati introdotti in Italia con legge 232 dell'11 dicembre 2016, con l'obiettivo di favorire la crescita dell'economia reale veicolando il risparmio delle famiglie verso il sostegno alle piccole e medie imprese italiane
L’art. 13-bis del Decreto Legge n. 124/2019 convertito in legge con modificazioni dalla Legge n. 157/2019, ha apportato alcune modifiche alla disciplina stabilendo che i PIR debbano investire:

  • almeno il 70% in titoli, azionari e obbligazionari, emessi da imprese italiane o europee con stabile organizzazione nel nostro Paese
  • almeno il 17,5% del portafoglio in titoli emessi da imprese non presenti nell'indice FTSE MIB
  • almeno un ulteriore 3,5% in titoli emessi da imprese non presenti nell’indice FTSE MIB e FTSE MID 

L' agevolazione Fiscale

I PIR consentono l’esenzione da tassazione sugli eventuali redditi diversi e redditi da capitale ottenuti da strumenti finanziari detenuti per almeno 5 anni nel PIR medesimo. 
 Ciascuna persona fisica, residente fiscalmente in Italia che agisce al di fuori dell'esercizio di un'impresa commerciale, può essere titolare di un unico PIR e vi può investire fino a 30.000 Euro all’anno, per un importo massimo di 150.000 Euro.

Scopri le soluzioni PIR di Banca Monte dei Paschi di Siena:  

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale

 

 
 
Possono interessarti anche: