Logo MPS

La filosofia

La filosofia di Consumerlab: il recepimento delle direttive comunitarie emanate già dall’inizio degli Anni Ottanta in ambito europeo, ha favorito sensibilmente nel nostro paese lo sviluppo di una legislazione dei consumatori nel corso degli ultimi anni.
Il settore bancario, da par suo, aveva già cominciato a porre le basi per una più compiuta applicazione di concetti quali l’informazione sui prodotti e la trasparenza delle condizioni economiche e contrattuali a seguito dell’emanazione della legge sulla trasparenza bancaria del 1992.

La legge 281 del 1998 ha poi costituito, infine, un quadro generale di riferimento per quella che può essere definita una vera e propria ‘Carta’ dei diritti essenziali dei consumatori, quali quelli relativi ad un’adeguata informazione, a una corretta educazione al consumo, alla trasparenza ed equità nei rapporti contrattuali concernenti beni e servizi e alla promozione e sviluppo dell’Associazionismo tra i Consumatori e gli Utenti.

È in questo quadro, che, accanto alla specifica normativa di tutela dei consumatori, si è sviluppata una sempre maggiore attenzione da parte delle imprese bancarie al rapporto con le associazioni che li rappresentano.
Ispirandosi a ciò, nell'anno 2004, il Gruppo Monte dei Paschi di Siena ha proposto alle Associazioni dei Consumatori iscritte all’apposito registro del Ministero dello Sviluppo Economico, per il tramite del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti, di procedere alla creazione di un “Laboratorio” congiunto - della durata sperimentale di due anni - per mezzo del quale affrontare temi consumeristici rilevanti nell’interesse sia della clientela, sia della capacità della Banca di distinguersi sul mercato, nella convinzione che tali temi contengano delle significative opportunità di miglioramento della capacità delle aziende di competere sul mercato.

Dopo una proroga del periodo di validità del protocollo di intesa di ulteriori due anni, alla luce dei risultati conseguiti e su indicazione delle stesse associazioni dei consumatori, nel giugno 2008 è stata sottoposta al Direttore Generale la proposta di delibera per il Consiglio di Amministrazione per la cessazione del periodo “sperimentale” del Laboratorio. Successivamente alla delibera favorevole del CdA e alla richiesta d’accettazione della modifica presentata alle associazioni firmatarie del protocollo di intesa, il Consumer Lab ha assunto la forma di laboratorio permanente.